Lufthansa, Easyjet e altri 5 per Alitalia. È allarme esuberi

Nessun nome ufficiale, salvo quelli di Lufthansa e EasyJet, che hanno comunicato per proprio conto. Non si sa nemmeno se ci siano offerte anche per l’intero perimetro aziendale. La lista completa potrebbe arrivare oggi, ma non è sicuro.

Prima dell’apertura delle buste, avvenuta nello studio romano del notaio Atlante, Lufthansa ha diffuso una nota: “Il gruppo Lufthansa si legge – ha presentato oggi una lettera di offerta, esprimendo l’interesse per la creazione di una “Nuova Alitalia”.

 

 

 

“Per la cessione di Alitalia sono sette le buste recapitate alla scadenza di ieri per l’invio delle offerte vincolanti, presso lo studio notarile associato Atlante Cerasi di Roma. I commissari straordinari di Alitalia da ieri sera hanno iniziato ad analizzare i plichi per capire quante sono le offerte che effettivamente rispondono ai criteri del bando.

Rispetto alla dozzina di manifestazioni di interesse iniziali, la lista dei potenziali pretendenti si è assottigliata.

 

In pole position Lufthansa ed EasyJet

Dopo l’uscitadi scena di Ryanair, tra le compagnia aerea sono rimaste in corsa Lufthansa ed EasyJet, entrambi interessate ad alcuni asset di Alitalia del lotto Aviation, ma non ad assumere il controllo dell’intera compagnia, nel lotto Unico, come invece vorrebbero il governo e i tre commissari. In corsa anche il fondo di private equity americano Cerberus, che non può ambire alla maggioranza, trattandosi di un operatore extracomunitario. Resta da capire quali vettori restano in gioco, e se hanno confermato la candidatura per il lotto Handling, le società di gestione aeroportuale (si fanno i nomi di Airport Handling e Alisud). Oltre a Lufthansa (si veda l’articolo in pagina), anche EasyJet ha deciso di rendere nota la partecipazione al bando per «alcuni asset di una Alitalia ristrutturata, in linea con la strategia esistente. Data la natura del processo, il contenuto dell’espressione di interesse è soggetta a clausola di confidenzialità». Il comunicato della low cost britannica spiega che «non vi è certezza in questo momento che ne seguirà alcuna transazione ed EasyJet fornirà un ulteriore aggiornamento al momento giusto e se lo riterrà appropriato».

 

Sull’acquirente l’ultima parola al Mise

L’attenzione si sposta sul negoziato che servirà ai commissari per migliorare le offerte, ma l’obiettivo di garantire l’unitarietà aziendale non si preannuncia affatto facile, visto che l’interesse dei pretendenti sembra rivolto all’acquisizione di singoli asset. Nella trattativa sulla proposta giudicata “vincente” i tre commissari dovranno cercare di ottenere il più possibile il mantenimento degli attuali livelli occupazionali e delle attività aziendali. Luigi Gubitosi, Enrico Laghi e Stefano Paleari al tavolo negoziale cercheranno di riuscire a confermare il più alto numero dei circa 11.500 dipendenti attualmente in forza in Alitalia, di cui poco più 3mila in servizio nell’handling e 8.400 nell’aviation (compresa manutenzione, attività commerciali), in termini di personale full time equivalent. La novità è che per trattare i commissari hanno più tempo, grazie alla proroga tecnica concessa nel Dl fiscale fino al 30 aprile 2018 del termine per la conclusione della gara (rispetto alla precedente scadenza fissata per il prossimo 5 novembre). Prima di questa data i tre commissari straordinari dovranno individuare l’offerta migliore e proporla al governo; la decisione finale spetta al ministro dello sviluppo economico, secondo la stessa procedura utilizzata per l’amministrazione straordinaria dell’Ilva.

 

Passaggio di consegne entro settembre

Tra l’aggiudicazione e l’effettivo passaggio di consegne si prevede trascorreranno circa 4/6 mesi per le procedure autorizzatorie, prima tra tutte quella Antitrust, non a caso nel già citato decreto fiscale il governo ha aggiunto 300 milioni al prestito iniziale di 600 milioni (concesso poco sotto il 10%) dando più tempo per la restituzione che dovrà avvenire entro il 30 settembre 2018 (invece dell’attuale scadenza del 2 novembre 2017).

 

Boccia:non paghino i cittadini

Sul tema è intervenuto anche il presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia, che rispondedo ad una domanda sull’asta per Alitalia ha detto «bisogna vedere chi la compra e chi la paga , non penso che i cittadini italiani siano disposti ad accettare di pagare per conto e in nome di altri. Bisogna fare in modo che Alitalia diventi competitiva e abbia appeal per gli investitori».

 

Mediobanca: performance modesta

Gli analisti di Mediobanca Securities, in un report, evidenziano che «da quando la nuova crisi di Alitalia è scoppiata, la compagnia ha avuto una performance piuttosto modesta, come confermato dal fatto che i suoi aeroporti principali di Roma Fiumicino e Milano Linate hanno riportato una crescita negativa del traffico nei primi 8 mesi del 2017 (rispettivamente -0,3% e -0,9%), rispetto ad un trend nazionale di +6,7%».

 

Domani convocati i sindacati per la Cigs

Come accade normalmente, Alitalia prevede una diminuzione dei passeggeri trasportati nei mesi invernali, e i sindacati sono stati convocati domani al ministero del Lavoro per l’avvio della nuova procedura di cigs chiesta dai commissari che prevede la proroga di sei mesi della cassa integrazione(fino al 30 aprile), per l’equivalente di 1.230 dipendenti di terra e 570 di volo.”

Fonte: “Sole 24Ore”

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: