Ennesimo scontro sul bilancio del Comune di Torino, si dimettono i revisori dei conti

Mesi di scontro crescente, esposti alla magistratura e accenni a  mozioni di sfiducia avevano minato quello che di norma dovrebbe essere un rapporto dialettico ma proficuo. Quella tra la giunta Appendino e i revisori dei conti era invece una battaglia quotidiana. E alla fine la decisione: mettere fine ad una situazione non più procrastinabile, rassegnando le dimissioni prima che iniziasse l’ennesimo scontro, sul bilancio di previsione imminente, quello del 2018. Le dimissioni irrevocabili infine sono arrivate.

 

 

“Il Collegio dei Revisori dei Conti del Comune di Torino ha rassegnato le proprie dimissioni. Nel motivare la decisione, gli esperti contabili parlano di “difficoltà nello scambio di comunicazioni e ostacoli nell’attività di raccordo” tra l’Ente e il Collegio e tra questo e il Consiglio comunale. “L’assenza di collaborazione e le pressioni ricevute – si legge nella lettera di dimissioni – sono state fonte anche di disagi operativi e di incomprensioni”. Le dimissioni sono irrevocabili. Le dimissioni dei revisori dei conti arrivano, dopo settimane di divergenze e di polemiche sui conti dell’amministrazione comunale, “nell’interesse dell’Ente” e “al mero fine di agevolare la necessaria ricreazione di un clima di collaborazione reciproca”.

Nelle scorse settimane l’organo di revisione, presieduto da Herri Fenoglio, aveva ingaggiato con l’amministrazione pentastellata un vero e proprio braccio di ferro sul debito Ream, la caparra di 5 milioni di euro che la Città di Torino deve restituire alla società nell’ambito del progetto Westinghouse. I revisori hanno inoltre bocciato il bilancio di previsione finanziario 2017-2019 e il bilancio consolidato 2016.

“Revisori poco credibili, non ci fidiamo più”, avevano sostenuto i consiglieri pentastellati, che si erano detti “rammaricati” del parere dei revisori, mentre l’assessore al Bilancio Sergio Rolando ha sempre sostenuto “l’applicazione della legge” da parte dell’amministrazione. Di qui le dimissioni dell’Organo di Controllo che, ricordano i revisori, “è per definizione estraneo alle dinamiche politiche interne dell’Ente e deve essere dotato del supporto adeguato per lo svolgimento della sua attività di vigilanza e collaborazione alle funzioni di controllo e di indirizzo dell’Organo Consiliare”.

Fonte: “il Fatto Quotidiano”

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: