Pil Usa a + 4,3. Nonostante la guerra di nervi sui dazi

Nonostante i rischi derivanti dall’adozione di dazi nei confronti di Cina ed Europa, il Pil USA vola o quasi. E mette a segnoun dato sulle esportazioni di + 9,3%. Il dato oggettivo ovviamente rafforza la leadership del presidente americano, almeno per alcuni mesi.

 

 

 

 

“   A sostenere la corsa della locomotiva economica americana sono i consumi – che incidono per oltre i due terzi sul dato, cresciuti del 4% – e le esportazioni balzate del 9,3%, a dispetto dei temuti effetti di dazi e guerra commerciale tra Usa e resto del mondo. In realtà il rimbalzo dell’export è in parte legato all’accelerazione delle vendite di soia e altre materie prime agricole alla Cina in anticipo alle probabile ritorsione di Pechino alle misure volute da Trump. Un ulteriore elemento di impulso è dato dalle spese governative, mentre alcuni cali sono da riscontrare negli investimenti in scorte e nel comparto residenziale. Il dato ha restituito ossigeno a Wall Street, impensierita da Facebook e Twitter, con i principali listini che hanno avviato in vivace rialzo le contrattazioni, mentre i rendimenti decennali del Tesoro sono in marginale ribasso.  

 

Il risultato consolida la leadership del presidente nonostante la marea montante di critiche e i moniti sinistri sui rischi derivanti dall’adozione di dazi nei confronti di Cina ed Europa. E sembra confermare la tabella di marcia delineata dalla Federal Reserve sul rialzo dei tassi con altri due ritocchi nel 2018 e almeno tre nel 2019. Il successo riscosso, sino ad oggi, da Trump è frutto di una politica modulata su tagli delle tasse, deregolamentazione e aumento della spesa a sostegno della crescita. Sino ad oggi, appunto, perché il quesito che emerge è quanto possano durare tali ritmi, ancor di più perché i cicli economici di crescita di solito durano otto, nove anni e l’attuale è in atto dal 2010. Un interrogativo che per ora non sembra impensierire l’amministrazione di Washington galvanizzata da una Trumpeconomic che riesce, nonostante tutto, a serrare le fila tra Wall Street, Corporate America e consumatori. E quindi a mobilitare una buona fetta di quell’elettorato che, tra poco più di tre mesi, si recherà alle urne per il voto di metà mandato. “

 

 

Fonte: “la Stampa”

 

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: